Mondiali di Nuoto 2023: l’unione fa la forza quando l’obiettivo è condiviso

Fukuoka, Giappone. La cornice sportiva è quella dei Mondiali di Nuoto 2023, XX edizione. La staffetta a stile libero formata da Alessandro Miressi, Manuel Frigo, Lorenzo Zazzeri e Thomas Ceccon ha regalato agli appassionati del nuoto e dello sport in generale, l’ottava medaglia di questa edizione. La medaglia, colorata d’argento, è stata conquistata nella staffetta 4×100 stile libero. La squadra italiana si è posizionata tra gli australiani che hanno conquistato il primo posto e gli americani che si posizionano in coda al team azzurro.

Mondiali di Nuoto: lo storico argento della 4X100 stile libero maschile.

La gara è stata estremamente avvincente, mostrando un continuo “testa a testa” tra le differenti nazioni in gara. Il primo segmento è stato percorso da Miressi che ha chiuso, i primi 100 metri, in 47,54, offrendo così alla squadra, anche se solo temporaneamente, la prima posizione. La seconda frazione è stata attraversata da Manuel Frigo che, anche lui, ha chiuso mantenendo la prima posizione con un parziale di 47,79, per lasciare la scena al compagno di squadra Zazzeri che ha completato anch’egli, ancora una volta, in prima posizione con un parziale di 47,91. Purtroppo non è stato sufficiente il meraviglioso tempo di Ceccon che ha chiuso la sua prova a 47,03 non sufficiente per contrastare il “rivale” australiano che si è aggiudicata l’oro posizionandosi a pochi millesimi di secondo dai nostri atleti.

Mondiali di Nuoto: quando la prestazione della squadra non è la semplice somma dei singoli membri

La pressione emotiva e la responsabilità che sente ogni membro della squadra sono altissime. Come in ogni sport individuale, ognuno si assume la responsabilità per successi e fallimenti ma in questo caso il risultato e le responsabilità sono condivise. La prestazione di ognuno può esaltare o vanificare quella dell’altro. Allora diventa essenziale, per mettere in vasca l’adeguata forza mentale, una chiara e condivisa pianificazione degli obiettivi. La pianificazione degli obiettivi non può essere solo di risultato (ho vinto – ho perso) ma anche relativa alla performance. Entrambe le tipologie di obiettivo sono correlate alla variabile temporale (breve, medio e lungo termine). La pianificazione degli obiettivi consente di mantenere alta la motivazione nel singolo e nel gruppo, permettendo ad ognuno di essere stimolo per l’altro. Come ogni abilità mentale, il goal setting, deve essere costantemente allenato, sia individualmente che in modalità gruppale. Ogni gruppo sportivo dovrebbe essere consapevole che la prestazione della squadra non è la “semplice” somma dei singoli membri, ma qualcosa di molto più complesso.

In conclusione, possiamo affermare quanto sia importante allenare costantemente una abilità mentale ritenuta “di base”. Il team azzurro ha mostrato una grande forza e resistenza mentale, lottando centimetro dopo centimetro al fianco delle corsie degli avversari.

di Sergio De Cillis

Resta sempre aggiornato sulle novità
Sport Mindset Agency!

Iscriviti alla Newsletter e ottieni uno sconto del 10% su un pacchetto a tua scelta.

    Accetto il trattamento dei dati personali come previsto dalla Privacy Policy

    info@sportmindsetagency.com

    Elena Uberti: 349 513 4705

    Via Andrea Maffei 10 20135 Milano


    ©2023 | Piva 12330800967